I gioielli di Chiara Ferragni: perché il flop?

 

 

Non c’è pace per Chiara Ferragni e le sua azienda, è notizia delle ultime ore, ripresa dalle maggiori testate giornalistiche e non, magazine online e non , del flop della linea di gioielli in parecchi casi svenduta anche al 50 percento, perché vi chiederete ?

perché il boom che si aspettavano pare non sia mai avvenuto.

E perché ?

La comunicazione è fondamentale, ma anche la

credibilità.

Faccio una premessa, io non ho cavalcato l’onda pandoro e uova di Pasqua con post pro o contro Ferry,  e solo per una manciata di like o per generare traffico, ma questo argomento mi interessa parecchio,  io faccio questo di mestiere, pertanto ritengo doveroso affrontarlo con i miei lettori e non vorrei essere fraintesa, non sto godendo del flop di una persona, mi interessa analizzare la comunicazione, il contesto e il perché.

Ho sempre riconosciuto alla Chiara nazionale una grande abilità imprenditoriale, intuito, l’ho sempre difesa quando i più dicevano che non sa fare niente e che il suo non è un lavoro,  (ma questa è un’altra storia di cui non mi occupo) oggi voglio riprendere la notizia delle ultime ore riferita alla sua linea di bijoux che sta subendo un flop ( ma pare non c’entri il pandoro gate).

 

La linea  low cost che Ferragni ha lanciato sul mercato insieme a Morellato, nota azienda italiana di bijoux della grande distribuzione ( marchio che io non ho MAI PUBBLICATO NEI MIEI 12 anni di blog ).

 

Una collezione che fa il verso alla luxury jewelry, brillocchi finti, oro finto, metallo non ben identificato ( o forse si) , montature uguali alla gioielleria preziosa ma acquistabili per poche decine di euro, cristalli, pietre finte, vorrei ma non posso, imitazioni di iconici gioielli.

Come sono ?

“Sono un vorrei uno smeraldo ma non posso permettermelo quindi ne compro uno finto sperando che qualche fesso possa trovarlo un po’ vero …”

 

E qui la mia domanda sorge spontanea:

”aldilà del valore di questi bijoux, come può essere credibile e corretto il marketing di questa collezione se la nota influencer indossa gioielli veri e da centinaia di migliaia di euro ? Brillanti da decine di carati montati su oro o platino , luxury jewelry.

Questo sì che è stato un errore di comunicazione e a mio avviso, non l’affare pandoro, qui il messaggio che ci è arrivato è stato:

“ ehi pezzenti per voi wannabe Ferragni ci sono questi gioiellini da pochi euro,  io invece indosso solo luxury diamonds e co.”

Poteva essere azzeccata una simile comunicazione ?
Forse non siamo proprio tutti così ingenui o stupidi, forse due domandine ce le facciamo e forse abbiamo un pochino di buongusto oltre che neuroni funzionanti.

 

Compriamo consapevoli

informiamoci.

leggiamo, documentiamoci, si anche su Tuttepazzeperibijoux, e poi facciamo la nostra scelta consapevole, ognuno è libero di comprare ciò

che  vuole, ma anche libero di non acquistare i bijoux di una che per prima li snobba e sceglie per sé altro.

tuttepazzeperibijoux

tutti i diritti riservati

copyright 2023

 

Add Comment

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

For our data protection policy, click here