C’era una volta la contessa Isabella del Bono

bracciali Iron il sole e la luna

bracciali in ferro  Iron, cesellati a mano e con brillantini
orecchini in ferro e ametiste, anello in ferro, oro e ametista
gemelli in ferro e oro 
gemelli incisi a bulino
Chevalier con particolare lavorazione “galuchat”in ferro e oro
Il mio amato Lancelot
Il mio Lancelot in ferro brunito incisione a bulino, interno in oro
C’era una volta… la contessa Isabella del Bono di antica casata parmense, che perse  a mare il suo amato chevalier con stemma di famiglia, andò dal suo orefice per farlo riprodurre e quando andò a ritirarlo  constatò che era stato forgiato in ferro…. le piacque moltissimo e ricevette talmente tanti apprezzamenti che decise di produrne  qualcuno  per i suoi amici.
La passione  per questa arte  unica  in via d’estinzione la entusiasmò alquanto, inventando un modo del tutto originale per  la distribuzione limitata ed esclusiva  dei suoi splendidi monili araldici, oggetti preziosi di  alta nicchia, infatti,  essi non sono in vendita nelle gioiellerie, ma raggiungibili attraverso  un passaparola molto esclusivo, la partecipazione ad una mostra o esposizioni in case private o grandi alberghi.
Questo rende molto emozionante, personale e coinvolgente la nascita di un pezzo Idb, i clienti grazie al buon gusto e alla delicatezza della contessa possono godere della sua compagnia apprezzando i piaceri conviviali ammirando la collezione completa di gioielli realizzati interamente a mano, in ferro, oro, smalti pregiati e altri materiali insoliti e preziosi.
Ogni singolo blocchetto in ferro é portato ad una temperatura elevatissima in un apposito forno e ancora incandescente viene  portato alla forma desiderata, é molto difficile trovare degli artigiani che forgino il ferro, occorrono due giorni interi per modellare un anello  e passare poi all’incisione a bulino, altra tecnica ormai in  via d’estinzione. Questo rende i gioielli Idb pezzi a se stanti, unici e irripetibili, e non é difficile percepirlo ammirandoli.
In pochi anni Isabella del Bono,
giornalista, fotografa con l’arte nel sangue, ha avuto grandi soddisfazioni e riconoscimenti, tra i tanti la citazione come  designer contemporanea per materiale usato e innovazione nel libro dell’autorevole  Alba Cappellieri  docente della Cattedra del Gioiello al Politecnico di Milano.
Difficile dire quale sia il mio pezzo preferito, certo é che il mio  chevalier Lancelot da quattro anni  non abbandona mai il mio dito, complice Isabella del Bono che ha saputo rivisitare il concetto di chevalier pur conservando in esso il concetto di classicismo(e di avermi deliziosamente coccolata come credo faccia con spontaneità, garbo e professionalità con le  sue clienti).
Incantevole la collezione di bracciali  Iron, lavorati a cesello,  alberi o stemmi impreziositi da brillantini rubini o  zaffiri, ametiste per il meraviglioso glicine.
Se  passate per  Forte dei Marmi, fate attenzione ai mignoli della nobiltà  vacanziera, la contessa é di casa al forte e suoi splendidi gioielli  fanno ormai parte di uno stile di vita.
E come ogni favola che si rispetti…vissero felici e contenti…
Isabella del Bono
Piazza S.Ambrogio, 2
20121 Milano
testo e contenuti
Maria Elena Capelli
Tuttepazzeperibijoux
©Copyright 2012

Comments 29