Ellapolo

Marie Hélène, un bellissimo nome francese,
un natale in Francia dove vive fino ai sei anni.
Una laurea in giurisprudenza e un diploma in pianoforte.
Un master in diritto e collaborazioni con 
riviste del settore.
Due giri intorno al mondo.
Un figlio.
Un amore sconfinato per la natura la stimola a cambiare vita e a lasciare la professione per 
trasferirsi in Sardegna dove il richiamo forte e selvaggio della natura  le lancia nuove sfide: la scultura e la pittura.
Ma l’ispirazione creativa é troppo forte  e un viaggio in Indonesia le indica la via.
Dall’unione  di tutti questi elementi nasce Ellapolo.
Ella come il diminutivo di Marie Hélène, Ella come il pronome personale femminile.
Ellapolo, gioielli dal design essenziale, ricercatezza nelle forme  che vengono utilizzate a creare delle trame immaginarie.
I gioielli di Ellapolo ci raccontano dei suoi viaggi, ci raccontano della sua evoluzione di artista ispirata dal bello che la circonda, possiamo ben comprendere come la natura selvaggia e affascinante della Sardegna possa esserle di  ispirazione costante.
Dalle creazioni di Ellapolo si respira il suo desiderio di elaborare strutture particolari  e curve che non appartengono ai classici del gioiello per abbracciare uno stile contemporaneo  e di design.
Argento, bronzo, satinature che scaldano, rifiniture volutamente irregolari e poco levigate per donare un aspetto artigianale e che si discosta da uno stile industriale.

 Se mi conoscete un minimo e mi leggete da un po’ sapete che adoro questa irregolarità che tanto mi affascina in un gioiello e  di cui vado alla ricerca, nel caso di Ellapolo  questo é  il risultato di culture diverse che si fondono in una sobria e raffinata  ricercatezza.
Creatività, qualità, design, immaginazione, talento ed emozione, queste le parole chiave  che meglio descrivono i gioielli  di  Ellapolo.





testo e contenuti 
Maria Elena Capelli
Tuttepazzeperibijoux
copyright 2013


Comments 14