I miei no : Mise en Dior e Hipanema

Prosegue a grande richiesta la rubrica I miei no, dopo una  pausa dovuta ai troppi impegni e materiale da pubblicare.
Hipanema fotografati da Tuttepazzeperibijoux nel settembre 2012 

Ricordando che é la libera espressione del mio pensiero, in questa rubrica mi limito a motivare il mio no, dovuto esclusivamente alla mia modestissima  opinione e al mio gusto personale.
I bracciali Hipanema hanno fatto il loro prorompente ingresso  un paio di anni fa sul mercato italiano, hanno riscosso un grande successo nel settembre 2012 a Cloudnine, uno scatto veloce giusto per documentarveli,  ma non li ho mai   pubblicati sul mio blog in quanto non rispondenti al mio gusto personale, per quanto io adori i bracciali e i friendship bracelets.. ed è proprio perchè adoro i friendship bracelet che Hipanema é un mio no.
Ne riconosco il grande successo avuto, l’idea originale sebbene non siano stati i primi a proporre tanti bracciali in un uno, sfruttando  un’unica chiusura.

Non  mi piace l’idea di dover portare diversi friendship bracelets  imprigionati insieme, il fascino  dei friendship é  proprio dovuto al fatto di   metterli e toglierli secondo gli umori, le stagioni, i colori,  aggiungerne uno o toglierne un altro dona un’emozione, portando un Hipanema o una copia a basso costo reperibile a 10 euro sulle bancarelle , non ha alcun senso per una pazzaperibijoux come me..  per chi invece detestasse quello che io amo, beh questa  la soluzione allora  é perfetta.

Toglie il fascino di abbinare colori e tipologie di bracciali, diversi uno dall’altro ma legati dallo stesso filo conduttore: il mio gusto personale, non  mi piace che un altro, Hipanema in questo caso, mi privi del grande piacere che é la composizione giornaliera del mio polso, é una delle cose più divertenti per una pazzaperibijoux, selezionare in nuance i bracciali da indossare, seguendo un tema, un filo conduttore o un mood vacanziero.

LATE MAJORITY ( ovvero chi ha adotta una moda quando sta per finire o é finita)

Gli orecchini
Mise en Dior
hanno letteralmente fatto impazzire molte pazzeperibijoux, ma non la sottoscritta.
 Fenomeno non é sempre sinonimo di buongusto.

News di fine estate 2013  della Maison Dior.
Prima pagina  sulle maggiori  riviste patinate, blog e  siti web, tutti li vogliono, tutti li pubblicano.. ma non Tuttepazzeperibijoux.

Ai lobi delle it girl di tutto il pianeta e lunghe liste di attesa per averli.
Pare che piacciano proprio a tutte!

Dietro al design di questi orecchini c’è una grande ricerca, una ricerca stilistica non comune, ma anche un grande lavoro di cool hunting nel suo più ampio significato… 
Riconosco che la Maison Dior  abbia avuto  una bellissima e innovativa  idea, io però li trovo di cattivo gusto, mi ricordano tanto gli stretching piercing, non riesco a guardare chi li indossa senza provare un senso di fastidio, alcuni in particolare visti indossati a  Camden Town  da  versioni contemporanee  ambulanti di punkabestia o metallari, mia personalissima opinione, ma faccio davvero fatica a trovarli raffinati e di  buon gusto, mi astengo da qualsiasi commento sulle brutte copie in circolazione reperibili a pochi euro sulle bancarelle, tabaccherie comprese, se proprio dobbiamo cedere almeno comprate gli originali che sono confortevoli da portare e ben realizzati.
E quando incontro qualcuno con i suoi mise en Dior, volgo lo sguardo altrove.

tutti i diritti riservati
Tuttepazzeperibijoux
©copyright 2015

Commenti 8