Gypster o hipster?

Ormai siamo tempestati dai termini hipster, gypster, bohémien hippie, urban, le riviste ne fanno continuamente uso, ma talvolta non ne conosciamo il significato, e finisce che usiamo anche noi questi termini per dare l’impressione di essere sempre sul pezzo…
Ma chi sono  i gypster?
  Un ibrido tra gipsy e hipster.
Da Coachella a Ibiza,
 passando per il Nicaragua fino a Montauk,  da Kate Moss a Sienna Miller
da qualche anno lo stile gypster sta conquistando jet set e non solo, sempre protagonista delle riviste più cool e sempre più in voga tra le celebrities.
Ma il gypster deve avere determinati requisiti e attitudini, non tutti possono definirsi tali.
Ma che cos’é questo stile gypster di cui si parla tanto e forse in modo improprio?
Chi è il  gypster?
Dallo stile hippy chic passando per il bohémien l’importante é differenziarsi, o in questo caso forse  omologarsi, dal momento che lo  stile gipsy è ormai ovunque…
Gypsetter è colui che  sente il bisogno di vivere e viaggiare  in modo alternativo, in una fusione di stile nomade sofisticato, il gypsetter adotta anche una particolare alimentazione rigorosamente biologica, non disdegna esperienze lavorative alternative e magari non continuative spesso in paesi poco inflazionati dal turismo, sempre in movimento e aperto alle esperienze a contatto con la natura e l’arte.
I gypsetters sono artisti, designer, surfers,  e tutte quelle persone che adottano uno stile di vita  high low freelance.
Lo stile gipsy imperversa, dall’abbigliamento agli accessori, borse gilet, stivali, coroncine tra i capelli, bracciali e altro ancora.
E voi come vi sentite?
Io non sono assolutamente gypster se non per il dettaglio dei miei amati friendship bracelet dallo stile inconfondibile… ma ad un friendship bracelet come si deve si perdona tutto ^_* anche l’essere in stile  gipsy, hipster o gypster …
testo e contenuti
Maria Elena Capelli
Tuttepazzeperibijoux
2014 Copyright

Commenti 8