Vicenzaoro Fall 2013: il diario di tuttepazzeperibijoux

Attesissima l’edizione settembrina di Vicenzaoro Fall 2013, un po’ perché  l’edizione di Maggio é stata sottotono per molti, un po’ per la rentrée e anche perchè settembre da sempre é un mese molto effervescente in molti settori.
A darci il benvenuto  (1400 espositori da tutto il mondo) l’imponente boutique esposizione di Pasquale Bruni con parure in smeraldi e brillanti degne del  gran ballo della Rosa, a seguire tanti grandi nomi della gioielleria italiana, nostro fiore all’occhiello, ho dato uno sguardo veloce ma ho apprezzato molto la meravigliosa produzione.
Il mio occhio attento é andato alle novità, poche degne di nota, un no ai proposti e riproposti bracciali con charm onnipresenti e i bracciali colorati in stretch sulla falsa riga di Les Interchangeables che é stato il primo a proporli e che per me rimane il migliore sia per modello che per qualità dei materiali impiegati.
Un no anche per tutte le novità riguardanti a gioielli in silicone e zirconi con vani tentativi di replicare il fenomeno indiscusso Le Corone.
Da segnalare un nuovo brand di cui vi parlero’ a breve, un bracciale nero in stretch e un’elegante madreperla impreziosita da tanti elementi diversi.
Tante le proposte low cost, qualche vano tentativo di proporre gioielli indian mood, di cui, ormai anche voi sapete ero innamorata visto che da più di un anno vi seleziono il meglio.
Le conferme di sempre? Yvone Christa che con un nuovo pezzo della collezione  Aqua Decor mi ha lasciato senza parole, un paio di orecchini in particolare con pietre verdi e rosa antico in filigrana nera brunita, una meraviglia di una grazia e fascino unici! Non vedo l’ora di parlarvene e mostrarveli!
Bellissime le collezioni di Pepenero Gioielli, Orotrend, Pippo Perez, La regina Matta, Laurent Gandini, Daniela De Marchi, Meira T, Anna e Alex, Not for All, Otto e Maria Sole Gioielli.
Uno sguardo alla porte bonheur exhibition, organizzata da Alba Cappellieri ( professore di design del gioiello presso il Polimi) e Livia Tenuta, gioia per i miei occhi, amuleti e talismani contemporanei, chi mi conosce e mi segue da un po’ sa che adoro i porte bonheur, ma non tutti!
Piccola sosta al Trendvision per poi giungere dalla famiglia Di Luca con Cameo Italiano che mi ha stupita con una nuova produzione di orecchini e le cartoline cammeo, al cui il capostipite della famiglia Di Luca va il merito della prima realizzazione, una meravigliosa cartolina incisa e scolpita in una conchiglia, sempre in fermento la loro esposizione e già in partenza per il sol Levante dove hanno un appuntamento importante.
La Glam Room si é presentata con diversi cambiamenti, nomi nuovi e nomi ormai di casa, tante nuove proposte, Passavinti con una bella produzione di oggetti bruniti e di design, il mio no va al tentativo di proporre gioielli indian mood.

Bellissima la collezione di Pomi con le sue bruniture e gli smalti colorati.

Se.MaVì ha presentato le ultime collezioni e i bellissimi Curl, che vi ho già presentato e che ormai conoscete bene.
Un si alle bellissime e dolci collane realizzate all’uncinetto con pietre semipreziose e roselline in corallo.
Un no ai soliti bracciali porte bonheur realizzati con poca fantasia e poca cura nei dettagli, in particolare un no al solito cordoncino cerato e ai vari charm , mia personalissima opinione, ma in un piccolo bracciale porte bonheur io esigo cura in ogni particolare e dettaglio..soprattutto ricerca nei materiali, altrimenti li compro sulla spiaggia e non a Vicenzaoro.
E un’ altra giornata a Vicenzaoro é trascorsa, all’uscita un bellissimo sole limpido, una leggera brezza, una pausa relax con coca cola ghiacciata d’obbligo e via verso altra ricerca, alla scoperta di nuovi orizzonti… e gioielli.
E voi cosa ne pensate ?
Scrivetemi le vostre opinioni e impressioni, mai come oggi sono importantissime!


testo e contenuti 
Maria Elena Capelli
Tuttepazzeperibijoux
copyright 2013

Comments 7