Giulia Boccafogli, the queen of the leather jewelry

Una celebrazione dell’artigianalità italiana che oggi si reinventa con nuovi linguaggi e con sperimentazione di tecniche di lavorazione.

Sto parlando di Giulia Boccafogli, e i primi aggettivi che mi passano per la testa parlandovi di lei sono:

Appassionata.
Talentuosa.
Puntigliosa.
Perfezionista.
Vulcanica.

E me la immagino,  me la vedo ancora bambina  mentre gioca con le  sue Barbie e fantastica sulla sua vita, domandandosi: – “Farò la fioraia,  o l’ architetto,  oppure la scrittrice?”;  Giulia  infatti voleva essere una di queste,  studi classici, laurea in architettura, esperienze all’estero, fino al  giorno in cui capì che voleva creare bijoux e  decise di fare dei materiali di recupero la sua risorsa e il suo  lavoro, abbandonando così definitivamente il suo lavoro di architetto nel 2015, non prima di aver avuto un bel riscontro da parte di autorevoli testate giornalistiche  e prestigiosi clienti.

Iniziò a produrre i primi prototipi e io  mi ricordo molto bene il successo corale,  non avevo ancora aperto il blog e le stylist dei magazine di moda impazzivano per le collane con le frange di  Giulia Boccafogli  che iniziò a collezionare   pubblicazioni sulle  riviste di moda più importanti.

Una passione travolgente,  quella per la materia, per la forma ( non sarà  mica diventata architetto invano) per l’eleganza, lo stile, la leggerezza, caratteristiche che rivivono in ogni suo bijou, e già me la immagino  Giulia,  che fatica a separarsi dalle sue creazioni, perché  ognuna di loro è un pezzo unico,  realizzato a mano.

Giulia  è una perfezionista, questo termine è spesso abusato, non nel caso di specie, perché lei si occupa di tutto e tutto deve essere fatto alla sua maniera,  dal disegno alla prototipazione, alla realizzazione,  all’immagine.

I materiali utilizzati sono diversi, ma  è la  pelle  la sua passione,  materiale difficilissimo da lavorare con alti  risultati qualitativi,  per questo diventa una  perfezionista e per questo inizia a sperimentare e a giocare con la pelle, materiale  affascinante e versatile.

Giulia Boccafogli  non smette di studiare, di sperimentare, di fare ricerca, durante il periodo trascorso a San Francisco impara tecniche di lavorazione che una volta rientrata in Italia mette in pratica nel suo laboratorio,  e poi arrivano nuovi materiali da utilizzare  insieme alla pelle, come la seta,  per celebrare un sodalizio con la città che ospita il suo laboratorio, Como, e il metallo, contrasto così gentile che dona un movimento fluttuante in  cui ci si puo’ perdere in un immaginario che porta in luoghi lontani, in un altro mondo.

ll nero è  spesso protagonista nei suoi bijoux,   ed è sempre il il nero  che celebra l’eleganza per eccellenza  secondo l’alfabeto stilistico di una Giulia sempre alla ricerca dell’assoluto.

Giulia Boccafogli è l’unica designer,  tra quelle  selezionate  che  producono bijoux in pelle , che abbia  superato  la mia valutazione, il rischio di immettere sul mercato bijoux con tagli  mal realizzati  e mal finiti è altissimo, non per lei.

Un brand che trova riscontro nei concept stores di nicchia  in tutto il mondo grazie al felice connubio tra la creatività vivace di Giulia e  la tradizione del made in Italy.

visitate il sito e shop online

www.giuliaboccafogli.it

per rimanere costantemente aggiornati

Insta giuliaboccafogli_jewels

tutti i diritti riservati
2019 ©Tuttepazzeperibijoux
photocredits Giulia Boccafogli

Per info punti vendita visitate il sito
Per acquistare online direttamente 
E-shop 

Commenta

Se vuoi approfondire la nostra politica sulla protezione dei dati personali, clicca qui